Home > Vangelo > Vegliare e aspettare > Predica di oggi: quali sono le vergini sagge?

Predica di oggi: quali sono le vergini sagge?

Nell’attesa della venuta del Signore, tutti i fratelli e le sorelle che hanno vera fede in Lui sperano di essere le vergini sagge, di poter accogliere lo Sposo e cenare con il Signore. Alcuni di noi spesso leggono la Bibbia e pregano, osservano e si preparano; altri scelgono di lavorare instancabilmente, sacrificandosi e consumandosi; altri partecipano regolarmente a incontri, aspettando premurosamente l’arrivo del Signore. Tutti si preparano e si dedicano a modo loro all’attesa del ritorno del Signore nelle loro vite e siamo tutti fermamente convinti di essere vergini sagge e che, aspettando in questo modo, saremo capaci senza dubbio di accogliere il ritorno del Signore. Ma la nostra preparazione dell’olio è davvero affine al cuore del Signore? Dopotutto cosa sono le vergini sagge? E come dovrebbero preparare l’olio per accogliere il Signore?

Ricordiamo il tempo in cui il Signore venne all’opera, due mila anni fa. Senza la Gloria di Gesù i templi allora deserti divennero covi di briganti. Quando il popolo ebreo cadde nella sventura e non seppe più a chi rivolgersi, il Signore, il Messia, giunse e fece la Sua opera di redenzione dell’umanità, riportando l’uomo al pentimento. E chi puramente cercava la verità e anelava all’apparizione di Dio, con cuore ricettivo, era in grado di ascoltare la voce di Dio e capire come la parola e l’opera di Dio erano colme di autorità e potere, tanto quanto la creazione del Creatore dei cieli, della terra e di tutte le cose. Una sola parola del Signore era in grado di riportare alla vita i morti, alla calma il vento e il mare e di nutrire 5000 persone con cinque filoni di pane e due pesci e così via. Pietro, Nataniele, Matteo e gli altri a quel tempo, attraverso la parola di Gesù, riconobbero che Egli era il Messia e di conseguenza Lo seguirono. La donna di Samaria parlando con il Signore, Lo sentì pronunciare i suoi segreti reconditi che lei teneva dentro di sé e così realizzò che solo Dio può rivelare i segreti più profondi di qualcuno e che questa non è cosa di cui una persona qualunque può parlare. Così dalle parole del Signore lei ebbe la conferma che Egli era il Messia promesso e Lo seguì. Queste persone sono le vergini sagge. Ma il popolo ebreo che seguiva i capi religiosi, gli scribi e farisei, pensò che continuando a rimanere rigidamente e servilmente attaccato ai suoi tempi, leggi e dottrine, si comportasse da vergine saggia e potesse così accogliere l’arrivo del Messia. Di conseguenza preferì morire di sete e di fame piuttosto che ricercare e investigare la parola e l’opera del Signore. Indipendentemente da quanto fossero autorevoli e potenti gli enunciati del Signore, essi mantennero ostinatamente le loro concezioni e idee, seguendo così la credenza dei capi religiosi ebrei che “non sei la venuta del Signore a meno che tu non sia chiamato Messia”. Cosi trattarono il Signore come una persona comune, prendendo la Sua parola come quella di uomo comune e addirittura giudicarono e bestemmiarono contro Gesù. Alla fine si unirono ai leader ebrei nel crocifiggere il Messia che tanto avevano atteso, diventando così popolo che credeva in Dio ma che si oppose a Lui, abbattendosi così contro l’ira e punizione di Dio. Questo ci permette di vedere come la saggezza delle vergini accorte sta nel porre attenzione e ascoltare la voce di Gesù e nell’essere in grado di accettare la verità anche dopo averla sentita nella Sua voce. Solo cosi potranno veramente accogliere la venuta di Dio. Al contrario le vergini stolte non sono capaci di ascoltare la voce di Gesù e non cercano neanche dopo aver ascoltato gli enunciati della verità; Rimangono attaccati testardamente alle loro idee e preconcetti e osservano e rifiutano l’apparizione e l’opera di Dio, perdendo così la salvezza di Gesù Cristo. Questo mi fa riflettere: per quanto riguarda l’accoglienza della seconda venuta del signore, se il Signore Gesù ci apparisse dinanzi e operasse, come ci comporteremmo? Saremmo in grado di riconoscere la voce del Signore? Se mancassimo all’opportunità di accogliere lo Sposo e cenare con il Signore perché non conosciamo la voce del Signore, non saremmo in quel caso delle vergini stolte?

Dunque, come dovremmo fare attenzione e preparare l’olio per accogliere il Signore? Il Signore Gesù disse, “E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” (Matteo 25:6). “Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco” (Apocalisse 3:20). “Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese. […]” (Apocalisse 2:7). “Le mie pecore ascoltano la mia voce, e io le conosco, ed esse mi seguono” (Giovanni 10:27). Da queste profezie si vede chiaramente che quando il Signore ritornerà, Egli parlerà alle chiese e cercherà le Sue pecore proprio attraverso la Sua parola. Le vergini sagge, sentendo le testimonianze dell’apparizione e della parola di Dio, cercheranno e ascolteranno la voce di Dio e apriranno il loro cuore nell’accogliere il Signore. Un libro sugli “Enunciati dello Spirito Santo” dice anche, “Tutti coloro che sono in grado di obbedire agli attuali discorsi dello Spirito Santo sono benedetti. Non importa come fossero prima o come lo Spirito Santo operasse in loro: coloro che hanno guadagnato l’opera più recente sono i più benedetti, e coloro che non sono in grado di seguire oggi l’opera più recente vengono eliminati. Dio vuole coloro che sono in grado di accettare la nuova luce e vuole coloro che accettano e conoscono la Sua opera più recente. Perché viene detto che devi essere una vergine casta? Una vergine casta è in grado di ricercare l’opera dello Spirito Santo e capire le cose nuove e per di più è in grado di accantonare le vecchie concezioni e obbedire all’opera di Dio oggi. […]” “Dal momento che stiamo cercando le orme di Dio, dobbiamo cercare la volontà di Dio, le parole di Dio, le enunciazioni di Dio – poiché dove ci sono le nuove parole di Dio, c’è la voce di Dio e, dove ci sono le orme di Dio, ci sono le opere di Dio. Dove c’è l’espressione di Dio, c’è l’apparizione di Dio e dove c’è l’apparizione di Dio esiste la verità, la via, e la vita. […]”.

Da questi enunciati dello Spirito Santo, si può vedere come le vergini sagge osservano e si preparano a dare il benvenuto al Signore; In altre parole, riescono a mettere da parte le loro concezioni e idee, focalizzarsi sull’ascoltare la parola di Dio, cercare l’impronta di Dio e la nuova opera dello Spirito Santo, accettare e obbedire alla parola e l’opera di Dio in questa nuova epoca e seguire il cammino dell’Agnello. Di conseguenza, coloro che, una volta udita la voce di Dio, la cercheranno ed esamineranno, saranno vergini sagge. Saranno portate al cospetto del trono di Dio, avranno accesso all’eterno flusso d’acqua della vita, e parteciperanno alla cena delle nozze dell’Agnello; mentre quelle vergini stolte, a prescindere da quanto le loro chiese diventino deserte e scure, rimarranno inesorabilmente al loro interno e si aggrapperanno testardamente alle loro credenze e idee piuttosto che cercare la parola e l’opera di Dio, cosi da perdere per sempre l’opportunità della salvezza nei giorni finali nel nome di Dio.

Traduzione di Federica Silva


Predica di oggi vi mostreranno di più:

Come dovrebbero le vergini sagge preparare l’olio per incontrare il ritorno del Signore?

Come risponderemo quando Gesù bussa alla porta nel momento in cui Lui arriva?

Contattaci! Il sito “Vangelo della vita eterna” fornisce il vangelo del giorno, la testimonianza di fede ecc., rafforzeranno la tua fede, non esitare a contattarci!
Parla con noi in Chat MessengerInvia a Messenger