Home > Testimonianze di fede > Matrimonio cristiano > La mia prima lettera a mio marito dopo il matrimonio

La mia prima lettera a mio marito dopo il matrimonio

Ciao A’kai:
scrivo questa lettera per confessarti una cosa. Questa è la prima volta che te lo dico dopo averti sposato e mi sento davvero in imbarazzo. Non so da dove iniziare, quindi inizierò con la mia infanzia.

Quando ero giovane, i grandi intorno a me dicevano che il matrimonio è la seconda nascita di una donna e che, in questa società, dove il culto della ricchezza e del materialismo dilaga, se vuoi essere libera dalla preoccupazione per il cibo e l’abbigliamento e avere una bella vita, devi sposare un uomo ricco e capace. Da quel momento in poi, trovare un uomo capace che guadagnasse molti soldi è diventato il mio standard per la scelta di un marito.

Quando sono diventata adulta, per realizzare il mio desiderio, ho attentamente esaminato i miei potenziali mariti. Ma mia zia mi presentò un potenziale marito, un uomo che non aveva la bocca piena di belle parole, che era semplice e onesto, e che proveniva da una famiglia povera: eri tu. Sei entrato improvvisamente nella mia vita e ci siamo lasciati altrettanto improvvisamente. Ero affascinata dall’idea che “Il denaro è al primo posto” e volevo solo trovare un uomo ricco e capace. Dopo di te, ho incontrato un uomo che sembrava essere l’ideale di cui volevo innamorarmi, ma non mi riteneva alla sua altezza, e alla fine siamo andati ognuno per la sua strada, il che è stato molto doloroso per me.

Quel giorno tu e i tuoi genitori siete venuti a trovarmi e mi avete persuaso a cambiare idea, e io con riluttanza ho accettato. Ma sapevi che ne sono ancora pentita? Ti vedevo come se non avessi nulla, come qualcuno che non poteva darmi la felicità che desideravo. Non mi importava dei tuoi sentimenti. Ti ho lasciato e ripreso per tre volte, tutto per inseguire la mia stessa felicità. Hai tollerato il mio egoismo e mi hai aspettato, e questo mi ha commosso, ma non ero ancora soddisfatta. Questo è stato anche il momento in cui mi sono ammalata di una strana, dolorosa condizione che poteva essere tenuta sotto controllo solo con la medicina e la cui causa non poteva essere curata. Avevo il cuore spezzato e abbattuto e mi chiedevo perché la mia vita fosse così difficile. Ma questo è stato anche il momento in cui hai accettato il fardello e mi hai chiesto di sposarti. Non sapevo se stessi cercando di colpire mentre il ferro era caldo o se stessi agendo in base a un altro motivo ma, nel mio stato di impotenza, ho accettato con riluttanza.

Dopo esserci sposati, ho scoperto quanto era povera la tua famiglia. Ricordo che una volta, quando volevamo comprare dei fagioli di soia, abbiamo dovuto prendere in prestito del denaro. Quando sono venuti a riprendersi i soldi, mi sono sentita profondamente umiliata. Come ho potuto trovare un tale marito? La sensazione di aver subito il più grande oltraggio immaginabile mi ha fatto gridare e rimproverarti: “Non posso più vivere una vita così povera! Non so a cosa stavo pensando quando ti ho sposato⋯ “. Ma ogni volta ti sedevi senza dire una parola.

L’anno dopo, è nato nostro figlio e tu eri molto felice. Nei giorni seguenti eri molto occupato a prendermi cura di me e hai nuovamente preso in prestito denaro per comprare olio e per aiutarmi a rimettermi in forze. Quell’anno, la moglie di tuo fratello minore aveva appena avuto il suo bambino, ma poiché lui guadagnava denaro, era in grado di comprarle tutto ciò che voleva mangiare mentre si riprendeva. Il pensiero era un tormento estremo per me. Sentivo che le nostre vite erano così povere e miserabili, mentre la sua famiglia aveva dei soldi ed era felice, e mi chiedevo perché la nostra famiglia non potesse essere come la loro. Il pensiero che nostro figlio appena nato avrebbe dovuto sopportare questa stessa povertà mi rendeva ancora più infelice. Non sapevo quando la mia infelicità sarebbe finita. Più ci pensavo, più il dolore cresceva e più volevo singhiozzare. Singhiozzai finché non fui esausta, ma poi guardai nostro figlio a letto mentre piangeva inconsolabile per la fame, e l’angoscia che sentivo nel mio cuore mentre lo sollevavo mi fece nuovamente venire le lacrime agli occhi.

In seguito, quando hai iniziato a studiare economia, ero felice e speravo che tu potessi guadagnare più denaro e cambiare le difficili sorti della nostra famiglia. Ma dopo diversi anni, la tua attività non aveva guadagnato denaro e talvolta avevi persino perso soldi. Nella mia mente, eri qualcuno che mancava di abilità con le persone e di competenze negli affari, e ti disprezzavo sempre più. Sapevo che eri buono con me, che eri molto premuroso, ma non riuscivo ancora a sopportare la povertà in cui viveva la nostra famiglia. Quindi, non sono mai stata felice con te e, nel momento in cui le cose non sono andate esattamente come desideravo, litigavo con te e ti definivo inutile per alleviare il dolore schiacciante che sentivo dentro. Ho persino minacciato il divorzio per provocarti. Ti ho ferito e non volevo trattarti così, ma non riuscivo a fermarmi. Il giorno dopo, sei uscito di casa per cercare lavoro fuori dal villaggio.

Nei giorni in cui eri via, ero sempre depressa. I miei genitori, parenti e amici sono venuti per convincermi del fatto che eri buono con me e che non dovevo chiedere il divorzio. Ho ricordato il tuo amore e affetto per me, come eri sempre premuroso e come cercavi di prendermi cura di me, e poi ho guardato il nostro adorabile figlio. Non potevo sopportare il pensiero di andarmene e, alla fine, ho rinunciato all’idea di divorziare da te.

Molte volte l’infelicità nel nostro matrimonio mi ha fatto piangere nella notte con le lacrime che bagnavano il cuscino. Ma ti rendi conto che pensavo che ti avrei sempre disprezzato e vissuto nel dolore a causa della nostra povertà? ⋯ Fino a un giorno in cui mia suocera mi ha parlato del Vangelo del Regno di Dio. La parola di Dio ha scacciato l’oscurità dalla mia vita, mi ha liberato dal mio dolore e ha eliminato la mia antipatia per te.

Dio dice: “Il vostro temperamento, la vostra levatura, l’aspetto, la statura, la famiglia in cui siete nati, il tuo lavoro e il tuo matrimonio, la tua interezza, persino il colore dei capelli e della pelle e l’ora della tua nascita sono stati tutti predisposti dalle Mie mani. Persino le cose che fai e le persone che incontri ogni singolo giorno sono stabilite dalle Mie mani, per non parlare del fatto che portarti alla Mia presenza oggi è, in realtà, una Mia disposizione. Non gettarti nel caos; devi procedere con calma”. Le parole di Dio mi hanno sconvolto. C’è un governante di tutte le cose in cielo e sulla terra. Egli non ha solo creato tutto in cielo e in terra, ma governa anche il destino di ogni persona. Solo allora mi sono resa conto che quando sono nata, chi ho sposato e la mia famiglia sono stati preordinati da Dio molto tempo fa. Non c’è da stupirsi che ho scelto di lasciarti così tante volte, ma siamo comunque finiti insieme. Dopo esserci sposati, non importa quanto io fossi insoddisfatta della tua famiglia, quanto ti disprezzavo e quante volte minacciavo il divorzio, alla fine, ho lasciato andare l’idea perché non volevo perdere mio figlio. Ho capito che poiché non sapevo che Dio domina tutto, sono stata troppo esigente nella vita, mi sono lamentata e sono stato insoddisfatta troppo spesso, e ho vissuto nel tormento. Una volta compreso questo, ho pregato Dio, ho accettato di obbedire ai piani e alle disposizioni di Dio e ho chiesto a Dio di guidarmi alla radice del mio dolore.

Più tardi, ho letto nella parola di Dio: “Quando il vento di una tendenza comincia a soffiare, forse solo un esiguo numero di persone ne diventerà il portavoce. Cominciano con il fare questo tipo di cose, accettando questo tipo di idea o di prospettiva. La maggioranza delle persone, tuttavia, in totale inconsapevolezza, sarà ancora continuamente infettata, assimilata e attratta da questo tipo di tendenza, finché tutti quanti inconsapevolmente e involontariamente non l’accetteranno e non ne saranno sommersi e controllati. Per l’uomo che non è del tutto sano nel corpo e nella mente, che non sa mai cosa sia la verità, che non sa riconoscere la differenza tra cose positive e negative, questi tipi di tendenze, una dopo l’altra, fanno sì che tutti accettino volentieri tali tendenze, la concezione della vita e i valori di vita, che vengono da Satana. Accettano ciò che Satana dice loro su come accostarsi alla vita e al modo di vivere che Satana ‘concede’ loro. Non hanno né la forza né la capacità e men che meno la consapevolezza per opporre resistenza”.

Le parole di Dio mi hanno improvvisamente risvegliato. Per tutto il tempo, Satana ha usato idee e concetti malvagi come “Il denaro è al primo posto”, “Un matrimonio senza pane non dura” e “Solo il disastro attende le povere coppie” per ingannare e fuorviare le persone, e le ha usate per distorcere le mie opinioni su vita e valori. Il matrimonio è formato da due persone volenterose e affini che costruiscono una famiglia insieme, ma le cattive tendenze sataniche hanno associato troppe condizioni accessorie al matrimonio, trasformando il rapporto tra marito e moglie in uno scambio. Se un partner può soddisfare le richieste del materiale dell’altro e può alimentare la sua vanità, allora il matrimonio può essere più o meno mantenuto, altrimenti c’è solo avversione, lamento e dolore, oppure collasso e separazione. Non ero io stessa così? L’influenza delle cattive tendenze sataniche mi aveva fatto pensare che sarei stata davvero felice se avessi sposato un uomo capace e ricco, libero da preoccupazioni materiali e se avessi goduto dei migliori lussi materiali. Dopo che ti ho sposato, a causa della nostra povertà e del mio desiderio di vivere uno stile di vita ricco, quando non potevi soddisfarmi ero infelice, così mi sono lamentata con te, ti ho disprezzato per non essere capace, ho spesso litigato con te per piccole cose e ho persino minacciato di divorziare da te. Ti ho reso infelice quanto lo ero io. Ma tutto ciò era dovuto a Satana che giocava con me e mi faceva del male. Ora che ci penso, anche se trovassi davvero un marito ricco, non sarei necessariamente felice. Il nostro vicino è un ricco dirigente con un sacco di soldi, ma ha trovato un’amante ed è arrivato a non tornare a casa per mesi. Anche se sua moglie è avvolta in argento e oro e non ha preoccupazioni materiali, la mancanza di cuore e il tradimento di suo marito la rendono infelice. C’è anche un uomo ricco in città con un’auto, una casa e dei risparmi che ha decine di attività, ma ha tormentato la moglie fino a quando è stata costretta a divorziare. Ci sono molti altri esempi che chiunque può contare. E poi ho pensato al mio matrimonio: anche se non guadagni una fortuna o non puoi darmi la migliore vita materiale, mi tratti bene, non mi lasci mai, e ti prendi cura di me in ogni modo. Quando la mia malattia era grave, hai pianto tante volte quando non guardavo, e hai detto a mia madre: “Finché c’è un alito di vita in lei, non mi arrenderò nel cercare di curarla. Anche se dovessi prendere in prestito denaro per la sua cura, lo farò, finché l’ultimo pezzetto di vita non la lascerà”. Per tutto il tempo ho vissuto nella felicità e non l’ho mai realizzato. Alla fine ho capito che il farti stare accanto a me è stato un segno dell’amore di Dio, ma Satana aveva distorto le mie opinioni, facendomi perseguire una vita materialistica e facendomi lottare per sfuggire alle disposizioni di Dio. Questa era la radice del mio dolore.

Poi ho visto nelle parole di Dio: “Quando indaghi ripetutamente e analizzi attentamente i vari obiettivi esistenziali che le persone perseguono e i loro vari stili di vita, scoprirai che nessuno di loro rispecchia l’intenzione originaria del Creatore quando ha creato l’umanità. Allontanano tutti le persone dalla Sua sovranità e dalla Sua sollecitudine; sono tutti abissi in cui l’umanità cade e che la conducono all’inferno. Dopo averlo riconosciuto, il tuo compito è accantonare la tua vecchia visione della vita, stare lontano dalle varie trappole, lasciare che Dio si faccia carico della tua esistenza e faccia programmi per te, provare soltanto a sottometterti alle Sue orchestrazioni e alla Sua guida, a non avere scelta e a diventare una persona che adora Dio”. Le parole di Dio mi hanno dato una direzione, e io sono disposta a praticare la parola di Dio, obbedire ai piani e alle disposizioni di Dio, lasciare andare i miei vecchi, errati perseguimenti e punti di vista, e smettere di perseguire uno stile di vita materiale lussuoso. Voglio solo vivere pacificamente la mia vita con te, e non importa se guadagni o meno, ho deciso di smettere di litigare con te.

Prima della festa di primavera di quell’anno, quando sei tornato, sono venuta a sapere che avevi guadagnato abbastanza soldi solo per sostentare te stesso e ho sentito nuovamente l’impulso di trattarti male nel mio cuore. Mentre guardavo le tue sopracciglia corrugate, pensando che ti avrei maledetto di nuovo, ho pregato Dio di mantenere il mio cuore fermo. Ho ricordato tutte le esperienze dolorose del passato, ho capito che quanti soldi guadagniamo è preordinato da Dio, e sapevo che avremmo dovuto accontentarci di avere vestiti e cibo da mangiare. Sentivo il mio cuore liberato e non ti ho sgridato più con te come mio solito. Ho visto le tue sopracciglia rilassarsi e un sorriso comparire sul tuo viso. Non ti ho più parlato di divorzio e non ti ho più disprezzato.

Quel giorno mi hai fatto un complimento davanti a nostro figlio, dicendo che sono diventata gentile e comprensiva dopo aver iniziato a credere in Dio, e che è bello avere una famiglia felice. Hai anche detto che sostieni la mia fede in Dio. Sai quanto mi sono commossa nel vedere ciò? Voglio dirti che le parole di Dio mi ha cambiato e che Dio ci ha dato una casa pacifica.

Tua moglie: A’ue

,
Contattaci! Il sito “Vangelo della vita eterna” fornisce il vangelo del giorno, la testimonianza di fede ecc., rafforzeranno la tua fede, non esitare a contattarci!
Parla con noi in Chat Invia a Messenger