Home > Testimonianze di fede > Educazione dei figli > Studiare bene a scuola significa avere la felicità?

Studiare bene a scuola significa avere la felicità?

Tutti vogliono ottenere buoni voti agli esami e io non ho fatto eccezione. Se ottengo buoni voti e ho buoni risultati, posso avere premi, ricevere lodi dai miei genitori e, cosa più importante, posso essere apprezzato dai miei insegnanti e invidiato dai miei compagni di classe.

Ricordai il mio esame finale del primo semestre del Quarto Anno. A quel tempo, tutto andò liscio durante l’esame di matematica all’inizio, ma il problema dell’ultima parola mi ha bloccato. Per quanto pensassi, non potei a farci nulla. C’erano 6 punti per questo problema. Se non riuscivo a risolverlo, avrei ottenuto solo 94 punti. Non volevo perdere i 6 punti, quindi volevo chiedere al compagno di classe Zhong seduto accanto a me che era bravo in matematica e doveva essere in grado di risolverlo. Alzai gli occhi verso il sorvegliante, che stava chinando la testa per guardare il computer. Pensai: questa è una buona possibilità, ma come dovrei dirglielo? Proprio allora, il compagno di classe Zhong mi chiese a bassa voce: “Ehi, come hai risolto questo problema?” Inaspettatamente me lo chiese per primo. Quindi ci siamo scambiati le risposte di cui avevamo bisogno.

Dopo essere tornato a casa, mia madre mi chiese improvvisamente: “Come è andato l’esame oggi? Qualcosa che non va?” Immediatamente pensai al fatto di avere imbrogliato durante l’esame. E improvvisamente provai un po’ di disagio: ho imbrogliato durante l’esame. Sono una bambina che crede in Dio. Se dico a mia madre del mio imbroglio, mi rimprovererà sicuramente. Ma se non lo dico, mia madre non lo saprà, mentre Dio lo sa, perché Lui ispeziona i cuori delle persone. Ho esitato per un momento, e improvvisamente mi sono ricordata di mia madre che diceva che qualunque cosa incontriamo, dovremmo pregare Dio e contare su di Lui. Così ho pregato Dio nel mio cuore in silenzio, “O Dio! Oggi ho imbrogliato e mia madre mi ha chiesto del mio esame dopo il mio ritorno a casa. Ma non oso dirlo per paura che mi critichi. Dio, spero che tu possa aiutarmi ad essere una persona onesta e disposta a dire la verità a mia madre”. Dopo la preghiera, ho avuto il coraggio di parlare onestamente, e poi ho detto a mia madre del mio imbroglio durante l’esame.

Mia madre mi ha chiesto: “Quando baravi, hai mai pensato che a Dio non piacesse?” Mi sono sentita piuttosto male: giusto! Perché non ci avevo pensato in quel momento? Mia madre comunicò con me sulla verità di essere una persona onesta, a cui seguì un passaggio delle parole di Dio: “Tutto ciò che fai, ogni azione, ogni intenzione e ogni reazione devono essere portati davanti a Dio. … È una tale pratica che ti aiuterà a maturare nella vita. Il processo di accettare l’osservazione di Dio è il processo di purificazione. Più accetti l’osservazione di Dio, più vieni purificato, più sei in accordo con la volontà di Dio, così che non sentirai la chiamata della dissolutezza e della dissipazione e il tuo cuore vivrà alla presenza di Dio; più accetti l’osservazione di Dio, più getti vergogna su Satana e rinneghi la carne”. Ho riflettuto su me stessa mentre ascoltavo mia madre. Mi resi conto che il mio imbroglio all’esame e il non voler dire a mia madre erano tutte manifestazioni ingannevoli. E ho anche capito che volevo ottenere un punteggio più alto imbrogliando per piacere agli insegnanti e per fare in modo che i miei compagni di classe mi avrebbero invidiato. Dio conosceva il mio cuore e mi sentii incomparabilmente miserabile perché non ero una persona onesta. Ho pregato Dio in silenzio, “O Dio! Oggi ho imbrogliato e sono disposta a pentirmi. Se in seguito incontrerò cose del genere, spero che Tu possa aiutarmi a praticare la verità e testimoniare per Te…”.

Più tardi, uscirono i risultati e io presi 100 punti nell’esame di matematica. Ma non ero felice e sentivo di non aver ottenuto 100 punti alla presenza di Dio.

In un batter d’occhio l’esame finale del secondo semestre di Grado Quattro era a portata di mano. Dopo averci chiesto di fare il test d’esame l’insegnante si mise seduto. Il documento era piuttosto difficile, molti problemi che non riuscivo a capire. Di nuovo volevo chiedere al mio compagno di classe, ma poi ripensai alla mia preghiera davanti a Dio l’ultima volta, quindi rinunciai. Alcuni giorni dopo, l’insegnante ci riconsegnò i compiti. Spiegò le risposte e ci fece segnare i nostri documenti e calcolare il punteggio totale da soli. Feci il calcolo e scoprii che avevo solo 59 punti, non superavo l’esame e non ero pronta ad accettarlo. Quanto mi sono vergognata! Proprio allora, l’insegnante disse che avrebbe contato quanti studenti avevano avuto le risposte sbagliate per ogni problema e che per ciascun problema, chi aveva commesso degli errori avrebbe dovuto alzarsi in piedi. Mi sentivo un po’ imbarazzata. Ho sbagliato così tanti problemi, e allora come mi avrebbe visto l’insegnante alzandomi di continuo? Di solito ero una tra i migliori studenti della nostra classe. Se l’insegnante avesse saputo che sono andata così male in questo esame, allora non gli sarei più piaciuta? Pensando a questo, mi dissi: beh, mi alzerò un po’ di volte. Proprio in quel momento, ripensai a mia madre che diceva che qualsiasi cosa ci capiti di incontrare, dovremmo pregare Dio e cercare la Sua volontà. Così ho pregato Dio nel mio cuore in silenzio: “O Dio! Spero che Tu possa aiutarmi in modo da poter essere una persona onesta invece di salvaguardare la mia reputazione…”. Dopo aver pregato, ho pensato alle parole di Dio: “Sii fedele ai fatti e parla in modo appropriato. Non imbrogliare, non mentire”. Giusto! L’immagine di un normale essere umano è di essere una persona onesta. Per lo meno una persona onesta dovrebbe riuscire a chiamare le cose col loro nome e non imbrogliare. Voglio essere una persona onesta perché a Dio piacciono gli onesti. Pensando a questo, ho deciso di non salvaguardare la mia faccia e di dimostrare di essere una persona onesta. Tuttavia, quando mi alzai, il mio cuore batteva forte. Mi sono detta: “Non importa come l’insegnante mi giudicherà, va bene finché sono d’accordo con il cuore di Dio”. Tuttavia, venne fuori che l’insegnante non mi guardava con dispiacere dopo questo argomento, ed era buono con me come prima. Così facendo, ho messo in pratica di essere una persona onesta. Quanto ero felice!

Poco dopo, fu il momento dell’esame finale. Nell’esame di matematica, c’erano ancora diversi problemi che non riuscivo a risolvere. Pensai: questo è l’esame finale, che è più importante del solito esame mensile, ed è meglio ottenere voti alti. Vidi un compagno di classe di fronte chiedere ad un altro compagno accanto a lui. Il sorvegliante non se ne accorse. Quindi pensai anch’io di chiedere al mio compagno di banco. Ma poi ritornai al mio imbroglio dell’ultima volta. Avevo pregato Dio che avrei imparato ad essere una persona onesta e non sarei stata ingannevole verso Dio. Così Lo pregai in silenzio nel mio cuore: “O Dio! Voglio imbrogliare di nuovo, ma Ti ho pregato e ho deciso di non imbrogliare di nuovo. Possa Tu guidarmi ad essere una persona onesta, essere seria all’esame e rispondere ai problemi nel miglior modo possibile, senza più pensare di copiare le risposte del mio compagno di classe”. Dopo aver pregato, potevo calmarmi e stare attenta a pensare ai problemi. Senza volerlo, improvvisamente, ho capito come risolverne alcuni. Ero molto contenta e sapevo che era Dio che mi guidava e mi illuminava. Questa volta ho ottenuto 96 punti all’esame di matematica, meglio quindi di quello che avevo immaginato. Se avessi ingannato, i voti sarebbero probabilmente stati più alti, ma avrei perso la testimonianza agli occhi di Dio. Mi sentivo molto felice e sicura nel praticare le parole di Dio.

Ottenere voti alti è positivo, per piacere agli insegnanti e ai miei genitori e i miei compagni di classe mi invidierebbero, ma non possono rendermi felice. Invece, solo quando agisco da persona onesta secondo le parole di Dio, ottengo la vera felicità. E questa è la cosa più importante.

Contattaci! Il sito “Vangelo della vita eterna” fornisce il vangelo del giorno, la testimonianza di fede ecc., rafforzeranno la tua fede, non esitare a contattarci!
Parla con noi in Chat Invia a Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *