Home > Testimonianze di fede > Educazione dei figli > La mamma non ti soffocherà più, figlio mio

La mamma non ti soffocherà più, figlio mio

Qingxin è nata in una famiglia povera. A scuola, i suoi insegnanti le inculcarono in testa i detti “La conoscenza può cambiare il proprio destino” e “Il destino di una persona è nelle sue mani”. Così giurò segretamente a se stessa di studiare duramente e frequentare l’università, in modo che potesse diventare una dirigente e godere di uno stile di vita di alta qualità. Ma le cose non andarono come lei sperava. Qingxin non fu in grado di entrare all’università e dovette iniziare la sua vita lavorativa come impiegata.

Dopo la nascita di suo figlio, Qingxin trasferì tutti i suoi sogni su di lui, sperando che si sarebbe distinto e che avrebbe portato gloria al nome di famiglia. Per realizzare i suoi sogni, quando suo figlio stava imparando a parlare, Qingxin attaccò un sacco di bigliettini sulle pareti di casa in modo da insegnargli anche a leggere. Inoltre, comprò a suo figlio molti DVD didattici per stimolare il suo modo di pensare e lo sviluppo del cervello. Ogni fine settimana gli insegnava qualcosa mentre faceva i lavori di casa.

Qingxin mandò suo figlio all’asilo quando aveva due anni e mezzo. Una notte, suo figlio si alzò improvvisamente piangendo. Disse: “Mamma, non voglio andare a scuola. Non avrò tempo per giocare con i giocattoli”. Sentendo le parole del figlio, il cuore di Qingxin doleva. Ma lei pensava che la competizione nella società fosse troppo feroce, e che se lui non avesse studiato a fondo non avrebbe potuto ottenere un buono status nella società in futuro. Non aveva altra scelta che calmare suo figlio, dicendo: “Mamma sa che hai studiato molto duramente, ma dobbiamo farlo, perché solo così potremo vivere una buona vita in futuro”. Suo figlio annuì, comprendendo solo in parte, poi si sdraiò un po’ confusa e si addormentò. Qingxin guardò suo figlio, così piccolo, e le vennero le lacrime agli occhi. Pensò: “Tutta quello che mamma fa è garantire il tuo futuro. Non abbiamo altra scelta”.

In un batter d’occhio, suo figlio era alle elementari. Qingxin si impegnò ancora di più per convincerlo a studiare sodo: ogni giorno, dopo che suo figlio tornava da scuola, lo mandava a ripetizioni, dove c’erano insegnanti anziani che aiutavano i bambini a fare i compiti, a disegnare e a studiare su internet. Al tramonto, Qingxin andava di corsa a prendere il figlio. Dopo che suo figlio si era fatto una doccia veloce e aveva cenato, lo mandava ad altre lezioni private. Erano già le dieci e mezza di sera quando suo figlio tornava casa. Vedendo il figlio trascinarsi a casa ogni giorno, Qingxin sentì un senso di impotenza indescrivibile.

Fortunatamente, suo figlio aveva un forte desiderio di avanzare e i suoi voti accademici erano sempre tra i migliori. I suoi amici e parenti parlavano molto di suo figlio, dicendo che era intelligente e che in futuro sarebbe sicuramente diventato eccezionale e avrebbe portato onore al nome di famiglia. Sentendo ciò, Qingxin si sentì molto soddisfatta. Pensava che i voti eccellenti di suo figlio fossero la migliore ricompensa per lei.

Per evitare che suo figlio entrasse involontariamente in una cattiva compagnia durante la sua adolescenza, Qingxin iniziò a impedirgli di uscire. Anche quando andava a giocare a pallone al parco giochi, lei non gli permetteva di uscire dalla sua vista. Suo figlio non si oppose mai a lei. Quando chiese di andare alla festa di compleanno di un compagno di classe, lei disse: “Faresti meglio a studiare a casa piuttosto che uscire e divertirti. Quando diventerai qualcuno in futuro, puoi fare tutto ciò che vuoi”. Dopo essere stata rifiutata più volte da lei, suo figlio non ha chiesto di nuovo.

Famiglia cristiana

Nel gennaio 2018, suo figlio entrò nella fase d’esame di ammissione all’università e dovette scegliere le materie d’indirizzo. Qingxin gli chiese di scegliere le scienze, poiché pensava che offrissero una conoscenza più vasta e gli avrebbero dato più opportunità di ottenere un buon lavoro in futuro, ma suo figlio espresse un’opinione diversa. Qingxin disse, ragionevolmente: “Nel mondo reale c’è una competizione intensa, quindi solo possedendo competenze professionali puoi farti strada nella società. Altrimenti, non sopravvivrai”. Inaspettatamente, suo figlio disse: “Non sono interessato alle scienze. Scelgo le arti liberali”. Qingxin non si arrese, voleva far cambiare idea al figlio: “Gli interessi possono cambiare”. Ma il figlio continuava a seguire la sua decisione: “I miei interessi non cambieranno mai. Non voglio fare qualcosa che non mi piace per tutta la mia vita”. Da quel momento in poi discuterono spesso animatamente di quel problema, ma nessuno dei due voleva cedere.

Un giorno, Qingxin, ancora una volta, cercò di riassumere a suo figlio i vantaggi di studiare le scienze attraverso della propria esperienza. Lo consigliò seriamente e cortesemente: “Ero incapace di studiare scienze e così ho dovuto imparare le arti liberali, e ora lavoro come impiegata d’ufficio. I tuoi tre cugini si sono laureati in scienze e sono tutti dirigenti con alti redditi fissi. Così tante persone li ammirano. Pensa ancora a quale materia dovresti scegliere”. Suo figlio replicò all’istante: “Mamma, tutti sono diversi. Hai le tue idee e ragioni, mentre io ho le mie. Per favore non costringermi più”. Dopo queste parole, se ne andò. La loro conversazione si interruppe ancora una volta in discordia. Vedendo suo figlio andare per la sua strada testardamente, Qingxin divenne ancora più preoccupata per il suo futuro.

Una sera, Qingxin stava cucinando in cucina quando suo figlio andò ad aiutarla come al solito. Al pensiero che lui voleva davvero scegliere le arti liberali, si sentì invadere dalla rabbia. Gli disse a voce alta: “Vai via. Non ho bisogno del tuo aiuto!” Suo figlio era confuso dal suo comportamento. Dopo un po’ singhiozzò: “Mamma, da sempre sei tu a organizzare tutto per me. Non ho mai espresso nessuna delle mie opinioni. Ora sono cresciuto: non puoi lasciarmi decidere da solo quale materia studiare? Trovo che studiare le scienze sia molto stressante e fare ricerche tutto il giorno mi fa girare la testa. Vuoi che io soffra così per tutta la vita?” Dopo aver sentito suo figlio dire queste cose, Qingxin disse ostinatamente: “Mi sto solo preoccupando per il tuo futuro. Il mondo esterno è così crudele. Non trattare il tuo futuro come uno scherzo”. Sentendo questo, suo figlio, in silenzio e in lacrime, tornò nella sua stanza.

Quella notte, Qingxin giaceva rigirandosi nel letto. Ripensando alla lite con suo figlio, si sentiva molto turbata. Fin dall’infanzia, suo figlio aveva raramente pianto di fronte a lei. Poteva vedere che era pieno di risentimento e di sofferenza in quel periodo. Dal profondo del suo cuore, non voleva che una scena del genere accadesse di nuovo, ma aveva molta paura che il suo futuro non sarebbe stato bello se avesse scelto le arti liberali. Proprio in quel momento, si ricordò di credere in Dio, quindi sottopose a Lui il problema e lo pregò di guidarla nel capire cosa avrebbe dovuto fare. Dopo la preghiera, si alzò per prendere un libro delle parole di Dio e lesse: “Le persone sanno di essere impotenti e disperate in questa vita, di non avere un’altra occasione, un’altra speranza di distinguersi dagli altri e di non avere altra scelta se non accettare il proprio destino. Perciò proiettano tutte le loro speranze, i loro desideri e ideali irrealizzati, sulla generazione successiva, sperando che la prole possa aiutarle ad avverare i loro sogni e a realizzare i loro desideri; che le figlie e i figli portino onore al nome della famiglia, che diventino importanti, ricchi o famosi; in breve, vogliono vedere la fortuna della loro progenie volare in alto. I progetti e le fantasie degli uomini sono perfetti; essi non sanno che non spetta a loro decidere quanti figli avranno, il loro aspetto, le loro capacità e così via? Non sanno che il destino dei loro figli non è affatto nelle loro mani? Gli esseri umani non sono i padroni del proprio destino, eppure sperano di cambiare il futuro della generazione più giovane; non possono sfuggire al destino, eppure provano a controllare quello dei loro figli e delle loro figlie. Non si sopravvalutano? Queste non sono stupidità e ignoranza umane?” “A prescindere dalle differenze di capacità, di quoziente d’intelligenza e di forza di volontà, gli uomini sono tutti uguali davanti al destino, che non fa distinzione tra il grande e il piccolo, l’alto e il basso, il nobile e l’umile. Quale professione si intraprende, cosa si fa per guadagnarsi da vivere e quanta ricchezza si accumula nella vita sono aspetti che non vengono decisi dai genitori, dai talenti, dagli sforzi o dalle ambizioni, bensì prestabiliti dal Creatore”.

Qingxin si sentiva molto confusa dopo aver letto le parole di Dio. Pensò: “Sono una delle persone di cui parlano le parole di Dio. Non sono stata in grado di far meglio degli altri, quindi riverso i miei desideri su mio figlio”. Non poté fare a meno di ricordare il passato. Nella sua infanzia, aveva deciso di diventare un dirigente. Aveva studiato molto ma non era comunque riuscita ad entrare all’università. Non volendo rinunciare al suo sogno, aveva riposto tutte le sue speranze su suo figlio, tentando, attraverso la sua guida, di farlo risaltare e fargli avere un buon futuro. Quindi iniziò ad insegnare a suo figlio a leggere quando stava imparando a parlare, lo mandò in un centro diurno quando aveva meno di tre anni e gli fece prendere lezioni di preparazione e di revisione quando era alle elementari. Inoltre, non lo faceva uscire con amici così che avesse più tempo per studiare. Lo aveva privato di un’infanzia felice e libera. Pensando a questo, sentì che doveva fare qualcosa per suo figlio. Dalle parole di Dio, capì che quale lavoro avrebbe fatto suo figlio in futuro e quanta ricchezza avrebbe avuto nella vita era predeterminato da Dio, e non deciso dai suoi piani e dalle sue disposizioni o dal talento e dagli sforzi di suo figlio, e tanto meno da quale materia avrebbe studiato. Tuttavia, poiché non conosceva la sovranità di Dio, ma credeva che “La conoscenza può cambiare il destino di una persona” e “Il destino di ognuno è nelle sue mani”, aveva sperato che suo figlio avrebbe avuto un buon futuro grazie alla sua vasta conoscenza. E poi aveva fatto in modo che suo figlio agisse secondo i suoi piani e le sue disposizioni, cercando di farlo crescere e seguire la strada che aveva tracciato per lui. Non era forse arrogante, sciocca e ignorante? Ripensò al passato. Quando era giovane aveva cercato di superare gli altri. Ma quale fu il risultato, anche dopo aver combattuto e aver fatto ogni sforzo? Non poteva nemmeno cambiare il proprio destino, quindi come poteva cambiare il destino di suo figlio? Pensò a se stessa: “Sto sopravvalutando me stessa. Dal momento che il futuro di mio figlio non è influenzato da alcun fattore esterno, non è meglio lasciarlo libero e felice di scegliere la materia che preferisce?” A questo pensiero, Qingxin provò un sollievo che non aveva mai provato prima. Rese grazie a Dio per la Sua illuminazione, che l’aveva aiutata a capire che si era sempre opposta alla sovranità di Dio con i suoi punti di vista errati. Da quel momento in poi si avrebbe lasciata andare, avrebbe affidato il futuro di suo figlio a Dio e si sarebbe sottomessa al Suo dominio e alla Sua pianificazione.

Una sera, parecchi giorni dopo, suo figlio stava per andare a lezione dopo cena quando Qingxin andò da lui e disse: “Figlio, ora capisco. I nostri destini sono stati predestinati da Dio molto tempo fa. Sei cresciuto e ora hai le tue opinioni e i tuoi desideri. Rispetto la tua scelta e non interverrò più nella tua scelta della materia. Finché sei felice, sono felice anche io”. Sentendo questo, suo figlio disse eccitato: “Mamma, è meraviglioso! Hai capito finalmente. Sai, in passato le tue richieste mi hanno messo molto sottopressione. L’intenso programma quotidiano mi faceva sempre sentire che non c’era abbastanza tempo per tutto. Per essere all’altezza delle tue aspettative, studiavo tanto e mi sentivo sfinito”. Le sue parole fecero sentire Qingxin molto a disagio: non aveva mai pensato di aver messo tanta pressione su suo figlio o di avergli fatto sopportare così tanto. Era determinata a non costringerlo più a studiare. In quel momento si sentiva estremamente salda nel suo cuore. Erano state le parole di Dio a mostrarle una via per esercitarsi e l’hanno guidata a lasciare il controllo su suo figlio.

Durante una riunione, Qingxin lesse un estratto della parola di Dio con i fratelli e le sorelle: “Durante il processo di apprendimento della conoscenza da parte degli uomini, Satana utilizzerà ogni mezzo per soddisfarne i desideri e realizzarne gli ideali. Ti è chiaro su quale strada esattamente Satana voglia condurti? In parole povere, le persone pensano che non ci sia niente di sbagliato nell’apprendimento della conoscenza, che sia nel corso naturale delle cose. Pensano che coltivare nobili ideali o avere ambizioni equivalga semplicemente ad avere delle aspirazioni, e che questa dovrebbe essere la strada giusta da seguire nella vita. Se le persone possono realizzare i propri ideali, o fare carriera nella vita – non è più glorioso vivere in tal modo? Non solo onorare i propri antenati in tal modo, ma anche lasciare il proprio segno nella storia – non è una buona cosa? È una cosa buona e appropriata agli occhi della gente del mondo. Tuttavia, Satana, con le sue sinistre motivazioni, porta le persone su questo tipo di strada e poi decide che è fatta? No di certo. In effetti, indipendentemente da quanto nobili siano gli ideali umani, indipendentemente da quanto realistici siano i desideri dell’uomo o da quanto appropriati possano essere, tutto ciò che l’uomo vuole ottenere, tutto ciò che l’uomo cerca è inestricabilmente connesso a due parole. Queste due parole sono di vitale importanza nella vita di ogni persona e sono cose che Satana intende instillare nell’uomo. Quali sono queste due parole? Una è “fama” e l’altra è “profitto”. …. Le persone prendono i loro corpi, le loro menti, tutto ciò che possiedono, il loro futuro e il loro destino e lo mettono nelle mani di Satana in modo volontario seppur inconsapevole, al fine di ottenere la fama e il profitto desiderati. Le persone lo fanno senza neppure un attimo di esitazione, costantemente inconsapevoli della necessità di riprenderne completo possesso”.

Le parole di Dio fecero riflettere a fondo Qingxin: durante il processo della sua conoscenza dell’apprendimento, Satana aveva instillato in lei vari pensieri e principi di sopravvivenza, come “La conoscenza può cambiare il proprio destino”, “Il destino di ognuno è nelle sue mani”, Distinguiti per portare gloria alla famiglia e agli antenati”, e così via. Di conseguenza, pensava che una volta acquisite le conoscenze e ottenuto un buon diploma, si potesse raggiungere sia la fama che la ricchezza e vivere uno stile di vita di alta qualità. Aveva sempre pensato che fosse un obiettivo corretto da perseguire. Salda nelle sue opinioni, aveva studiato duramente per cercare di trasferirsi nella classe superiore della società e godersi una vita di alta qualità. Quando i suoi sogni non si sono avverati, ha trasferito i suoi desideri su suo figlio e lo ha caricato in così giovane età, portandogli molto stress e dolore. La rivelazione delle parole di Dio fece capire a Qingxin che questi punti di vista, che erano sembrati giusti, erano in realtà parte degli schemi di Satana. Nel tentativo di realizzare i suoi sogni, Satana l’aveva incoraggiata passo dopo passo a perseguire fama e guadagno. Questi inseguimenti non solo avevano danneggiato se stessa, ma avevano anche causato danni a suo figlio. Qingxin si sentì angosciata a causa della sua follia e ignoranza, e odiava ancora di più Satana, perché usava molte idee e opinioni per ingannare e corrompere le persone. Se non fosse stato per la salvezza tempestiva di Dio, avrebbe camminato sulla via della ricerca della fama e del guadagno, e avrebbe guidato il figlio lungo un sentiero senza ritorno.

Le parole di Dio dicevano: “Quando indaghi ripetutamente e analizzi attentamente i vari obiettivi esistenziali che le persone perseguono e i loro vari stili di vita, scoprirai che nessuno di loro rispecchia l’intenzione originaria del Creatore quando ha creato l’umanità. Allontanano tutti le persone dalla Sua sovranità e dalla Sua sollecitudine; sono tutti abissi in cui l’umanità cade e che la conducono all’inferno. Dopo averlo riconosciuto, il tuo compito è accantonare la tua vecchia visione della vita, stare lontano dalle varie trappole, lasciare che Dio si faccia carico della tua esistenza e faccia programmi per te, provare soltanto a sottometterti alle Sue orchestrazioni e alla Sua guida, a non avere scelta e a diventare una persona che adora Dio”. Le parole di Dio guidarono Qingxin a prendere la decisione di capovolgere i suoi obiettivi errati. Non avrebbe più perseguito la fama e lo status, né mirato a “distinguersi per portare gloria alla famiglia e agli antenati”, e non l’avrebbe imposto a suo figlio, tanto meno gli avrebbe organizzato la vita e gli studi secondo la propria volontà. Invece, l’avrebbe affidato alle mani di Dio e lo avrebbe lasciato libero e felice sotto la guida di Dio. Qingxin aveva fiducia nel fatto che ciò che Dio aveva predisposto per lui sarebbe stato il meglio, e ora si sentiva libera e rilassata.

Questo modo di agire portò un risultato inaspettato dopo qualche tempo: in passato, pur avendo buoni voti, suo figlio mancava di indipendenza. Non aveva mai fatto piani per quello che doveva fare e qualunque cosa facesse, faceva tutto all’ultimo minuto. Qingxin spesso ne parlava con lui e lo esortava anche seriamente, dicendogli che avrebbe dovuto avere un piano per tutto altrimenti non sarebbe stato stabile nella società in futuro. Ma non importava quello che lei diceva o come lo diceva, lui faceva orecchie da mercante. Quando lasciò andare suo figlio e gli permise di organizzare la propria vita e gli studi da solo, lui fece tutto in perfetto ordine e fece buoni piani di studio ogni giorno. Fino a quel momento Qingxin non aveva capito che era lei, che agiva secondo la propria volontà, che aveva sempre inibito lo sviluppo di suo figlio. Non poté fare a meno di sentirsi fortunata di aver preso la decisione giusta in tempo. Inoltre, ora aveva più fiducia nell’autorità con cui Dio domina su tutte le cose.

Ora, sotto la guida delle parole di Dio, Qingxin va d’accordo felicemente con suo figlio. Quando incontra delle difficoltà, suo figlio chiede i suoi suggerimenti. Qingxin parla con lui e spesso lo incoraggia ad affrontare con coraggio tutto ciò che accade, perché crede che le mani del Creatore porteranno avanti suo ​​figlio. Non importa come sarà il futuro, è sicura che ciò che il Creatore dispone per tutti nella vita è la cosa migliore.

condividerne di più:

Cambiare modo di fare il genitore ha migliorato il rapporto tra me e mio figlio

,
Contattaci! Il sito “Vangelo della vita eterna” fornisce il vangelo del giorno, la testimonianza di fede ecc., rafforzeranno la tua fede, non esitare a contattarci!
MessengerInvia a Messenger WhatsappInvia a Whatsapp