Home > Vangelo del giorno > Letture del giorno > Letture del giorno: il 11 maggio 2019 – Giobbe 42:7-10

Letture del giorno: il 11 maggio 2019 – Giobbe 42:7-10

Dopo che ebbe rivolto questi discorsi a Giobbe, Jahvè disse a Elifaz di Teman: “L’ira Mia è accesa contro te e contro i tuoi due amici, perché non avete parlato di Me secondo la verità, come ha fatto il Mio servo Giobbe. Ora dunque prendetevi sette tori e sette montoni, venite a trovare il Mio servo Giobbe e offriteli in olocausto per voi stessi. Il Mio servo Giobbe pregherà per voi; ed Io avrò riguardo a lui per non punir la vostra follia; poiché non avete parlato di me secondo la verità, come ha fatto il Mio servo Giobbe”. Elifaz di Teman e Bildad di Suach e Tsofar di Naama se ne andarono e fecero come Jahvè aveva loro ordinato; e Jahvè ebbe riguardo a Giobbe. E quando Giobbe ebbe pregato per i suoi amici, Jahvè lo ristabilì nella condizione di prima e gli rese il doppio di tutto quello che già gli era appartenuto.

Giobbe 42:7-10

Riflessioni sul versetto di oggi…

Nella sua prova, Giobbe riesce ancora a rifuggire il male, a temere Dio e a renderGli testimonianza. Quando egli fu sottoposto alle prove, i suoi tre amici guardarono solo alla superficie di quanto era accaduto e trassero conclusioni arbitrarie e pronunciarono parole che giudicavano Giobbe, per cui Dio li condannò come sciocchi che Gli resistevano, e ne fu disgustato. Poiché Dio era soddisfatto di Giobbe, Egli gli chiese di pregare per i suoi tre amici. Questa è l’autentica autorità che Dio consegnò a Giobbe. Alla fine, Dio li perdonò grazie alla preghiera di Giobbe. In un libro spirituale, lessi un passo che affermava: “Giobbe pregò per i suoi amici e, in seguito, grazie alle sue preghiere, Dio non li trattò come sarebbe convenuto alla loro stoltezza. Non li punì e non applicò loro nessuna pena. Perché? Perché le preghiere presentate dal Suo servo, Giobbe, in loro favore erano giunte alle Sue orecchie; Dio li perdonò perché aveva accettato le preghiere di Giobbe. Che lezione ne possiamo trarre? Quando Dio benedice qualcuno, gli concede molte ricompense, e non solo di tipo materiale: lo riveste di autorità, e lo autorizza a pregare per altri. Inoltre, dimentica le loro trasgressioni e ci passa sopra perché ascolta queste preghiere. Ecco l’autorità di cui Dio rivestì Giobbe. Tramite le preghiere di Giobbe per impedire la loro condanna, Jahvè Dio svergognò gli stolti, e questa fu, naturalmente, la Sua punizione speciale per Elifaz e gli altri”. È chiaro che dovremmo percorrere il cammino che ci conduce ad aver timore di Dio e a rifuggire il male nel credere in Lui, in modo che possiamo essere da Lui lodati.


Letture del giorno mostreranno di più per la devozione spirituale cristiana:

Manifestazioni specifiche del timore di Dio e della fuga dal male nella vita quotidiana di Giobbe

Contattaci! Il sito “Vangelo della vita eterna” fornisce il vangelo del giorno, la testimonianza di fede ecc., rafforzeranno la tua fede, non esitare a contattarci!
Parla con noi in Chat Invia a Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *